Seleziona una pagina

< Progetti Svizzera


Rifacimento di una cantina
Salorino, Ticino
2011 – 2012

Questo intervento si colloca nel peculiare contesto delle cantine di Salorino, famose per il perfetto equilibrio del clima interno, particolarmente fresco , raggruppate sul pendio ovest del Monte Generoso copra il nucleo del paese, in una posizione ideale per godere della brezza estiva.
Probabilmente sorte attorno a metà ottocento si allineano ai diversi livelli delle vie che le attraversano, formando un fronte compatto, ritmato dalle scale di accesso ai piani superiori. In quasi tutte si può riconoscere la stessa tipologia: la cantina al piano strada o poco più in basso, con il portoncino di entrata, e al piano superiore un locale unico con il focolare.
Oggi la cantina non viene più intesa solo come luogo di conservazione per il vino nell’attesa della tavola, ma anche uno spazio di condivisione e divertimento domestico, che può riportarci, almeno durante le vacanze, alla connessione con le tradizioni e rinforzare il legame con il territorio.
Proprio da questo sguardo al passato, unito dallo slancio verso un nuovo stile di vita nasce il progetto che prevede la ristrutturazione e l’ampliamento due proprietà limitrofe, unite dalla tipica scala di accesso.
La cantina di sinistra, sviluppata su due piani e già precedentemente oggetto di restauri casuali, ospita una sala con camino ritoccata marginalmente con il risanamento dei materiali, solo il servizio annesso viene completamente rifatto con un carattere contemporaneo.
Quella di destra, al contrario, presentava solo il volume della cantina sormontata da un tetto. Viene costruito quindi un altro piano sovrastante abitativo, risanando le murature e rifacendo le solette e la copertura. Al piano terra viene sistemato il deposito dei vini e aggiunto un bancone, sopra nel locale ricavato, a cui si ha accesso dalla scala esterna centrale troviamo un open-space con zona soggiorno e cucina che vuole reinterpretare in modo moderno i tradizionali spazi conviviali con focolare.
La volontà progettuale è stata quella di intervenire puntualmente secondo necessità, in maniera radicale o totalmente conservativa, agendo nel totale rispetto della sostanza storica : il risultato è un progetto perfettamente inserito nel contesto tradizionale che ha saputo mantenere inalterato il microclima interno e garantire il funzionamento passivo dell’edificio, portando però un nuovo livello di comfort agli abitanti.